E' Michele Patruno il nuovo Presidente del Patto Territoriale


Il Sindaco di Spinazzola prende il posto che era di Paolo Marrano



 Si apre una nuova fase per il Patto Territoriale Nord Barese Ofantino: l’assemblea dei soci ha infatti eletto all’unanimità il Sindaco di Spinazzola, Michele Patruno, alla presidenza della Consiglio di Amministrazione dell’Agenzia per lo Sviluppo e l’Occupazione dell’area nord barese/ofantina.

 Patruno prende il posto del gen. Paolo Marrano, che nel corso del suo mandato durato poco meno di due anni ha tenuto con grande impegno le redini dell'Agenzia, accompagnando la struttura operativa del Patto in un percorso di riqualificazione e riposizionamento, lasciando poi l’incarico al termine naturale della legislatura di Primo Cittadino del Comune di Margherita di Savoia.

 Patruno adesso presiede adesso un Consiglio di Amministrazione formato da altri due componenti, che sono il Sindaco di Minervino Murge, Lalla Mancini, ed il Sindaco di Margherita di Savoia, Bernardo Lodispoto,  in un'assemblea di cui fanno parte come soci i colleghi Nicola Giorgino per Andria, Cosimo Damiano Cannito per Barletta, Massimo Mazzilli per Corato.
 E' la prima volta che un Sindaco di Spinazzola  assume la Presidenza del Patto Territoriale nord barese/ofantino dal momento della sua fondazione, avvenuta nel 1998 come nuovo strumento promosso dall'Unione Europea per creare progetti di sviluppo locale e nuova occupazione: un arco temporale di quasi venti anni, nel corso dei quali il Patto attraverso l'Agenzia ha portato avanti la sua mission di motore per l'approccio strategico allo sviluppo del territorio, finalizzato alla valorizzazione delle risorse imprenditoriali, ma anche storico-culturali e ambientali locali. I programmi realizzati hanno seguito tale strategia, in primo luogo finanziando interventi esemplari di cui il territorio (imprenditori privati ed enti pubblici) ancora oggi ne gode i frutti.

 Patruno prende le redini del Patto in un momento difficile, con tutta l’intenzione di poterlo superare: “Credo da sempre nel valore di questo strumento – sottolinea subito il nuovo Presidente -  ed è' con grande orgoglio ed una certa emozione che assumo questo incarico. Conosco bene l'impegno ed il lavoro portato avanti quotidianamente nel corso di quasi 20 anni dalla struttura e dai lavoratori del Patto Territoriale nord barese/ofantino, organizzazione di grande sostegno tecnico ed operativo a supporto dei Comuni che ne hanno fatto parte, e di quelli che ancora usufruiscono di questa esperienza che negli anni ha prodotto comprovati accessi ad importanti progetti e finanziamenti per lo sviluppo del territorio, ma soprattutto di partecipazione condivisa, di collaborazioni tecniche di enorme importanza in settori chiave dell'economia, dove l'esperienza del Patto Territoriale fa la differenza in termini concreti e non solo mediatici e virtuali". "Il Patto – prosegue Patruno  - vanta un'esperienza quasi ventennale e ha delle professionalità che possono aiutare i Comuni a realizzare progetti di sviluppo e partecipare ai bandi regionali ed europei. Questa mi sembra una possibilità di non poco conto, a fronte della carenza di personale negli uffici comunali e del depotenziamento delle camere di commercio. Per questo credo che sarebbe un delitto cancellare questa esperienza positiva sul territorio. Anzi, strumenti del genere – rimarca - andrebbero incrementati e non cancellati".

 “Il Patto Territoriale, pur in un momento di grande difficoltà, deve continuare a vivere”: a Michele Patruno, insieme al Cda e agli altri Comuni soci, toccherà adesso dare nuova linfa alle attività del Patto potendo contare sull'enorme esperienza che la struttura ha maturato in diversi settori d'intervento, dal turismo all'ambiente, dal sociale all'imprenditoria.



Pubblicata martedì 2 ottobre 2018 alle ore 18:36